FANDOM


Il Culto delle Undici Entità è la fede della Crociata dell'Undicesimo Giudizio. Iniziò tutto con la venerazione del Dio Malal, ma poi si evolvette fino raggiungere il Pantheon dell'Equilibrio e a ad assumere il suddetto nome.

Stando all'Origines Fatum, Sigisimund Kraad scoprì il Grande Tomo della Disperazione mentre era ancora un Angelo Sanguinario. Quello segnò l'inizio di tutto, in quanto quello è il libro sacro di Malal. La sua fede cambiò e la ripose tutta, insieme ad altri suoi compagni, nel quinto Dio del Caos Malal.

Gli anni passarono, la Crociata si formò e i suoi ranghi si allargarono prendendo Astartes da ogni Capitolo, che fosse Lealista, Caotico o Rinnegato. La fede in Malal rinacque nella galassia e presto la Crociata acquisì seguaci anche al di fuori dei guerrieri geneticamente modificati, andando ad avere infiltrati in ogni branca dell'Imperium e molte organizzazioni caotiche.

Contemporaneamente, Kraad si ritrovò a conversare con diversi Legionari Alfa e la sua fede nell'Imperatore rinacque, diffondendosi nella Crociata e portandola alla doppia fede Malal-Imperatore. Successivamente, la Crociata ebbe i primi contatti con gli Illuminati. Sebbene si fossero trattati inizialmente come nemici a causa della fede in Malal, si giunse ad una tregua e Kraad poté fornire spiegazioni. Ottenendo la loro fiducia, gli Illuminati gli spiegarono concetti come quelli di Sensei e Figlio delle Stelle, consolidando ulteriormente la fede nell'Imperatore. Da quel momento in poi si pensò che l'Imperatore potesse rinascere e che loro, con l'aiuto di Malal, fossero in grado di porre fine alla corruzione e all'ignoranza dell'attuale Imperium.

Questo scopo venne perseguito per anni, finché non accadde un altro evento straordinario. Appena terminata la lunga Guerra dai Mille Occhi contro la Suprema Oligarchia dei Tecno-Visir, l'intera flotta della Crociata si trovò sopra il pianeta Cerox Bedim, il mondo-capitale dell'Oligarchia. Fu in quel momento che venne avvistato un incrociatore classe Dictator dall'aspetto simile ad una nave fantasma. La nave non presentava alcuna forma di araldica, tutte le armi erano abbassate e intorno ad essa aleggiava un'aura grigiastra simile a fumo. Inizialmente pensarono tutti che fosse un relitto spaziale, ma si dovettero ricredere quando la nave aprì un canale di comunicazione con la Crociata. Gli ufficiali chiesero consiglio a Sigismund e lui disse solo di aspettare, avrebbe parlato lui con chiunque li stesse contattando.

"Ooooh, era da tanto che volevo conoscervi. Ho aspettato molto tempo, ma alla fine i miei signori hanno accettato la mia richiesta di potermi mostrare a voi."

"Con chi ho il piacere di parlare?" chiese Sigismund.

"Il piacere è tutto mio, Signore della Crociata."

"Quindi sai già chi sono... ma non hai risposto alla mia domanda."

"ll mio nome è Yatta e sono qui per portarvi un messaggio di illuminazione e follia. Voi avete fede in Malal e nell'Imperatore, ma posso rivelarvi la presenza di esseri pari a loro o addirittura più potenti. Ciononostante, non sono venuto qui come semplice predicatore, ma per parlare personalmente con te, Sigismund."

"E di cosa vorresti parlare?"

"Di esseri molto potenti che potrebbero offrirti il loro aiuto se solo permettessi loro di dartelo."

"C'è da fidarsi?" intervenne Mordecai aprendo un canale di comunicazione chiuso con Sigismund.

"Non avverto menzogne nelle sue parole. O ci sta facendo un'offerta sincera o è la persona più brava a mentire che abbia mai incontrato. Andrò, ma vi fornirò costantemente la mia posizione e il mio stato, in modo da identificare immediatamente un eventuale trappola." Sigismund chiuse il canale e tornò a parlare con Yatta.

"Bene, verrò sulla tua nave e ti ascolterò, ma al primo segno di una trappola le lance della mia flotta porteranno morte e distruzione sulla tua nave."

"Ti aspetto." Yatta chiuse il canale e Sigismund si diresse verso uno degli hangar.

Sigismund raggiunse la nave di Yatta e lì avvenne l'incontro. La situazione rimase stabile e i due parlarono per ore, finché Sigismund non tornò sulla propria nave. Non era solo, Yatta era venuto con lui. Il Signore della Crociata riunì tutti i membri presenti sulla nave all'interno del grande salone di guerra e aprì delle comunicazioni olografiche in modo che tutta la flotta potesse vederlo e sentirlo. Sigismund ricevette un libro dall'aspetto antico dalle mani di Yatta, poi lo aprì. Il libro portava il nome di Necronomicon e Sigismund fu travolto dal suo potere. Immediatamente venne pervaso da nuove conoscenze proibite. Venne a sapere dell'esistenza di Azatoth, il Caos Primario, il Dio cieco idiota, colui che ha creato l'universo e che può spazzare via interi pianeti. Infine conobbe anche altri Dei Esterni e Grandi Antichi. Solo dopo si accorse di aver risvegliato qualcosa nel suo DNA: era diventato un Pariah, il più potente esistente.

Sigismund creò quindi il terzo ed ultimo credo: Il Pantheon dell'Equilibrio.

Applicando questo credo alla Crociata, venne fissata una nuova missione:

  • Aiutare gli Illuminati a riunire i Sensei.
  • Distruggere l'organizzazione corrotta e ignorante dell'attuale Imperium.
  • Rimuovere l'Imperatore dal Trono d'Oro permettendogli di esalare l'ultimo respiro, poi uccidere i Sensei e far sì che i frammenti di anima dell'Imperatore si riuniscano per dar vita al Figlio delle Stelle.
  • Riunire tutti gli Dei per permettere ad Azatoth di unirsi in un unico essere perfetto che riunisca l'universo materiale con l'Immaterium, formando un unico universo equilibrato tra Ordine e Caos.

Il Pantheon dell'Equilibrio Modifica

Il Pantheon dell'Equilibrio è formato da undici entità ben distinte:

  1. Azatoth
  2. Malal
  3. Imperatore/Figlio delle Stelle
  4. Nyarlathotep
  5. Yog-Sothoth
  6. Hypnos
  7. Shub-Niggurath
  8. Hastur
  9. Yig
  10. Cthulhu
  11. Dagon

Sebbene anche gli altri quattro Dei del Caos debbano essere riuniti per perseguire lo scopo della Crociata, loro non li venerano e ritengono che siano la feccia tra le varie entità esistenti.